17
DIC
2016
Ricerche e Trial clinici

Tumore al seno: Individuata l’origine precoce delle metastasi


In modo sorprendente i malati di cancro che si presume siano guariti dopo la rimozione del tumore primitivo e la terapia, possono in realtà avere delle cellule tumorali non proliferanti disseminate in altri organi; “dormienti” per anni prima che si riattivino in modo da formare metastasi incurabili.

nature21104
Mechanisms of early dissemination and metastasis in breast cancer. Credit image Nature

Le metastasi del cancro della mammella possono nascere da cellule impazzite che si diffondono nel corpo ancora prima che si sviluppi il tumore vero e proprio. Questo meccanismo molto precoce e ‘silenzioso‘, che potrebbe verificarsi anche nel melanoma e nel tumore del pancreas, è stato studiato dal team di ricerca guidato dal prof. Julio Aguirre-Ghiso, della Icahn School of Medicine at Mount Sinai di New York e pubblicato sulla rivista Nature.

La ricerca condotta su topi e biopsie da paziente, si è concentrata sulla comprensione della biologia delle cellule tumorali residue che persistono in uno stato inattivo dopo la terapia iniziale (risultano ‘immuni‘ alla chemioterapia). Lo studio è molto importante perchè sta rivelando i meccanismi che mantengono le cellule tumorali residue dormienti e i marcatori associati a questo stato.

Leggi abstract dell’articolo:
Mechanism of early dissemination and metastasis in Her2+ mammary cancer
Kathryn L. Harper,Maria Soledad Sosa,David Entenberg,Hedayatollah Hosseini,Julie F. Cheung,Rita Nobre,Alvaro Avivar-Valderas, Chandandaneep Nagi, Nomeda Girnius, Roger J. Davis, Eduardo F. Farias,John Condeelis,Christoph A. Klein & Julio A. Aguirre-Ghiso.
Nature (2016) Published online 14 December 2016 doi:10.1038/nature20609

Metastasis: Pathways of parallel progression
Nature (2016) doi:10.1038/nature21104 Published online 14 December 2016

Informazioni sull'autore
GD Star Rating
loading...
Ultimo aggiornamento di questa pagina: 17 dicembre 2016
Articolo originariamente inserito il: 17 dicembre 2016
Leggi articolo precedente:
Isolata proteina che potrebbe arrestare lo sviluppo di diabete e obesità

I ricercatori dell’Università Cattolica di Lovanio, in Belgio potrebbero aver fatto un passo avanti con la scoperta di una proteina...

Chiudi