18
OTT
2017
Ricerche e Trial clinici

Scoperto composto che uccide le cellule metastatiche


Il Prof. Uri Nir, della Mina and Everard Goodman Faculty of Life Sciences at Bar-Ilan University e il suo team hanno identificato un enzima che supporta la sopravvivenza e la diffusione delle cellule metastatiche, ed hanno sviluppato un composto sintetico che mira all’enzima e uccide cellule metastatiche nei topi con cancro. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Nature Communications“.

nature_communications

Le cellule tumorali che lasciano il tumore primario per invadere il corpo (metastasi) possiedono strumenti molto grandi per sopravvivere in condizioni molto difficili, come la carenza di sostanze nutritive di base come il glucosio. Le cellule metastatiche possono salvaguardare la carenza metabolica riprogrammando il loro sistema di generazione di energia. Il Prof. Nir e il suo team hanno trovato l’esistenza di un enzima (FerT) nei mitocondri (un organo che genera energia all’interno delle cellule) delle cellule tumorali che non riuscivano a trovare nei mitocondri delle cellule normali.
Quando hanno bloccato l’enzima in laboratorio, le cellule maligne non sono riuscite a produrre più energia e sono morte. Il team ha poi cominciato a cercare l’enzima altrove nel corpo; lo hanno trovato in una sola cellula specifica: quella spermatica.
Come le cellule metastatiche anche le cellule spermatiche sono le uniche che possono generare energia in condizioni molto difficili e posseggono entrambe l’enzima FerT.

Il team ha sviluppato un composto sintetico che può essere somministrato per via orale o per iniezione negli animali o nei pazienti, chiamato E260, che entra nelle cellule metastatiche e poi nei mitocondri (“centrale elettrica“). Quindi lega l’enzima FerT, distorce la sua attività e non solo inibisce la sua attività, ma come conseguenza dell’inibizione provoca un crollo completo dell’intera centrale elettrica mitocondriale (stress metabolico), portando all’autofagia e alla morte le cellule metastatiche.

Abbiamo trattato i topi con il cancro metastatico e questo composto li ha completamente curati senza vedere alcun effetto negativo o tossico. Abbiamo anche controllato diverse cellule normali e non sono influenzate“, dice il prof. Nir. “Lo sperma inizia la vita, ma porta anche il potenziale per terminare la vita“. I ricercatori sperano di proseguire le sperimentazioni cliniche di Fase 1 entro un anno e mezzo.

Leggi abstract dell’articolo:
A novel Fer/FerT targeting compound selectively evokes metabolic stress and necrotic death in malignant cells
Yoav Elkis, Moshe Cohen, Etai Yaffe, Shirly Satmary-Tusk, Tal Feldman, Elad Hikri, Abraham Nyska, Ariel Feiglin, Yanay Ofran, Sally Shpungin & Uri Nir
Nature Communications 8, Article number: 940 (2017) Published online:16 October 2017 doi:10.1038/s41467-017-00832-w

Tratto dal Weblog “Medicina in Biblioteca”

Informazioni sull'autore
GD Star Rating
loading...
Ultimo aggiornamento di questa pagina: 19 ottobre 2017
Articolo originariamente inserito il: 18 ottobre 2017
Leggi articolo precedente:
Lo zucchero rende i tumori più aggressivi

Un progetto di ricerca durato nove anni ha esaminato il legame tra zucchero e cancro ed ha fornito un importante...

Chiudi