Home News dalla ricerca L’attività fisica riduce la mortalità nei pazienti con diabete

L’attività fisica riduce la mortalità nei pazienti con diabete

3 minuti di lettura
0
31

Ai pazienti con diabete di tipo 2 deve essere prescritta l’attività fisica per controllare lo zucchero nel sangue e migliorare la salute del cuore. Questa è una delle raccomandazioni contenute nel documento di sintesi dell’European Association of Preventive Cardiology (EAPC), una branca dell’European Society of Cardiology (ESC), pubblicato sull’”European Journal of Preventive Cardiology“.

Lo stile di vita sedentario e le diete malsane sono i fattori determinanti del crescente numero di pazienti con diabete di tipo 2 e problemi cardiovascolari come attacchi cardiaci”, ha detto il primo autore il dott. Hareld Kemps. “Il diabete raddoppia il rischio di mortalità, ma per i pazienti più allenati il rischio diminuisce. Sfortunatamente, la maggior parte dei pazienti non si impegna in programmi di allenamento.
Ci sono anche passi che i pazienti possono prendere senza prima aver bisogno di consultare un medico, come interrompere il tempo di seduta e fare esercizi moderati come camminare e andare in bicicletta“.

joggingg

L’esercizio fisico aiuta anche a ridurre la pressione sanguigna e i lipidi sanguigni nocivi. Il dott. Kemps dichiara: “Non posso sottolineare abbastanza quanto sia efficace anche un piccolo aumento di attività a beneficio dei pazienti con diabete di tipo 2 e problemi cardiaci. L’interruzione della seduta con brevi periodi di deambulazione migliora il controllo del glucosio, mentre due ore di camminata vivace alla settimana riducono il rischio di ulteriori problemi cardiaci“.

Leggi abstract dell’articolo:
Exercise training for patients with type 2 diabetes and cardiovascular disease: What to pursue and how to do it. A Position Paper of the European Association of Preventive Cardiology (EAPC)
Kemps, H., Kränkel, N., Dörr, M., Moholdt, T., Wilhelm, M., Paneni, F., … Guazzi, M.
Eur J Prev Cardiol. First Published January 14, 2019. DOI: 10.1177/2047487318820420.

Fonte: European Association of Preventive Cardiology (EAPC)

Tratto dal Blog:"Pinali" VAI AL BLOG

Carica più articoli correlati
Carica ancora in News dalla ricerca

Leggi Anche

Nuova terapia genica per curare l’infarto

Ricercatori dell’Istituto di Scienze della Vita della Scuola Sant’Anna, dell’International…