Home News dalla ricerca Fibra di mais migliora la salute delle ossa nelle donne

Fibra di mais migliora la salute delle ossa nelle donne

4 minuti di lettura
0
0

Secondo una nuova ricerca condotta presso la Purdue University di West Lafayette, un supplemento di fibra di mais solubile quotidiana aiuta in modo significativo a costruire e mantenere il calcio nelle ossa per le donne adolescenti e in postmenopausa.

Nella nuova ricerca, il team ha valutato come la dose di fibra di mais influenza l’assorbimento del calcio, le proprietà delle ossa e del microbioma dell’intestino nelle donne adolescenti e post-menopausa.
I risultati dello studio sulle donne in post-menopausa sono stati pubblicati nel “American Journal of Clinical Nutrition“, mentre i risultati sulle donne adolescenti sono stati pubblicati nel “Journal of Nutrition“.

Nello studio postmenopausale, 14 donne sane in postmenopausa hanno consumato 0 grammi, 10 grammi o 20 grammi di fibra di mais solubile ogni giorno per 50 giorni. Le donne nei gruppi che hanno ricevuto 10 grammi e 20 grammi – hanno avuto nelle ossa un miglioramento della ritenzione di calcio del 4,8 per cento e 7 per cento, rispettivamente.

Nello studio sulle adolescenti, 28 ragazze di età compresa tra 11 e 14 anni hanno consumato 0 grammi, 10 grammi, o 20 grammi di fibra di mais solubile ogni giorno per 4 settimane, pur mantenendo la loro dieta regolare. Le femmine in entrambi i gruppi di 10 grammi e 20 grammi hanno visto un aumento dell’assorbimento del calcio di circa il 12 per cento, che corrisponde all’1,8 per cento in più di scheletro all’anno.

I sintomi gastrointestinali sono stati minimi in entrambi gli studi ed anche nei gruppi di controllo. Nutrendo adeguatamente i “batteri buoni” della flora intestinale con fibre solubili, come quelle del mais, si può favorire l’assorbimento del calcio.

Leggi abstracts degli articoli:

Tratto dal Weblog “Medicina in Biblioteca”

Carica più articoli correlati
Carica ancora in News dalla ricerca

Leggi Anche

L’obesità aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Il rischio cardiovascolare (CVD) aumenta con l’adiposità crescente. Ad affermarlo uno stud…